GruczaSecondo uno studio condotto dai ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis il numero di adolescenti statunitensi con problemi collegati alla marijuana, e la stessa prevalenza di uso fra i coetanei, sono diminuiti di pari passo con l’aumento degli Stati USA che hanno avviato politiche di legalizzazione e depenalizzazione. Il nuovo studio è pubblicato nel numero di giugno del Journal of American Academy of Child & Adolescent Psychiatry.

Il sondaggio svolto su oltre 216.000 adolescenti provenienti da tutti i 50 stati USA indica che il numero di adolescenti con problemi di marijuana correlati è in declino dal 2002 al 2013, nonostante il fatto che oltre alle riforme legislative in molti stati USA, numero degli adulti che utilizzano marijuana sia aumentato.

I ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis hanno esaminato i dati sul consumo di droga raccolti dai giovani, dai 12 ai 17 anni, in un arco di 12 anni. Così hanno scoperto che il numero di adolescenti che hanno avuto problemi legati alla marijuana – quali “dipendenza” o problemi scolastici o relazionali – è diminuito del 24% nel periodo 2002-2013. Nello stesso periodo, i ragazzi, alla domanda se avessero usato cannabis negli ultimi 12 mesi, hanno riferito un minor uso di marijuana nel 2013 rispetto a quello che i loro coetanei avevano segnalato nel 2002. In tutto, il tasso di prelavenza nell’ultimo anno è sceso del 10 per cento. Nel 2002, poco più del 16 per cento dei giovani dai 12 ai 17 anni ha riferito uso di marijuana durante l’anno precedente. Quel numero è sceso al di sotto del 14 per cento nel 2013. Nel frattempo, la percentuale di giovani con disturbi collegati all’uso di marijuana è diminuito da circa il 4 per cento a circa il 3 per cento.

Questi dati sono accompagnati dalla riduzione dei problemi comportamentali, tra cui risse, crimini contro la proprietà, uso di armi e spaccio di sostanze. I ricercatori hanno scoperto che le due tendenze sono collegate, in quanto i ragazzi, diventati meno “propensi” a seguire comportamenti sociali devianti (o avendo rimosso per via legislativa alcuni comportamenti dalla sfera della punibilità, ndr), hanno anche meno probabilità di cadere in problemi legati all’uso della marijuana.

“Siamo stati sorpresi di vedere cali sostanziali nel consumo e nell’abuso di marijuana”, ha detto il responsabile dello studio, Richard A. Grucza, PhD, professore associato di psichiatria. “Non sappiamo come la legalizzazione sta interessando i giovani consumatori di marijuana, ma potrebbe essere che molti ragazzi con problemi comportamentali abbiano più probabilità di ottenere un trattamento in precedenza durante l’infanzia, che li rende meno propensi a rivolgersi alla marijuana durante l’adolescenza. Ma qualunque cosa stia succedendo con questi problemi comportamentali, sembra compensare eventuali effetti negativi della depenalizzazione marijuana”.

“Altre ricerche mostrano che i disturbi psichiatrici in precedenza durante l’infanzia sono forti predittori di uso di marijuana in seguito”, ha continuato Grucza. “Quindi è probabile che se questi comportamenti distruttivi sono riconosciuti precocemente, potremmo essere in grado di fornire terapie che aiuteranno a prevenire i problemi di marijuana. E forse anche problemi con alcol e altre droghe”

[Traduzione di Leonardo Fiorentini – Fonte: https://medicine.wustl.edu]