Caro Johnny,
stai per cominciare il liceo e come la gran parte dei giovani americani, ti troverai a imbatterti nelle droghe. Come la gran parte dei genitori, mi piacerebbe che tu non usassi droghe. Ma mi rendo conto che nonostante i miei desideri, può darsi che tu decida di provarle. Non ti farò discorsi terroristici per convincerti.

Invece, dato che ho passato gli ultimi venticinque anni della mia vita a fare ricerca sul consumo e l’abuso di droghe, ti parlerò un po’ di quello che ho imparato, e spero che questo ti aiuti a fare scelte sagge. La mia unica preoccupazione è la tua salute e la tua sicurezza.

Quando la gente parla di “droghe” di solito si riferisce alle droghe illegali, come la marijuana, la cocaina, le anfetamine o le droghe psichedeliche, come l’Lsd, l’ecstasy e altre, e l’eroina. Queste non sono le sole droghe che ti “sballano”. L’alcool, le sigarette e molte altre sostanze, come le colle, causano intossicazioni di qualche tipo. Il fatto che una droga sia illegale non vuol dire che sia meglio o peggio.Tutte hanno la proprietà di modificare temporaneamente la tua percezione delle cose e il tuo pensiero. Qualcuno ti dirà che le droghe fanno star bene e che per questo sono usate. Ma le droghe non sono sempre piacevoli. La cocaina e le metanfetamine accelerano il battito del tuo cuore; l’Lsd può farti sentire disorientato; un’intossicazione da alcool ti impedisce di guidare; fumare sigarette dà dipendenza e a lungo termine può causare il cancro al polmone; e a volte si muore all’improvviso per overdose da eroina. La marijuana non dà dipendenza fisica e non provoca overdose, ma crea alterazioni nel modo di pensare, comportarsi e reagire.

Sto provando a darti una breve descrizione delle droghe che puoi più facilmente incontrare. Ho scelto di non terrorizzarti con informazioni distorte, voglio che tu possa avere fiducia in ciò che ti dico. Anche se non ti voglio mentire esagerando gli effetti negativi, voglio però dirti che ci sono molte ragioni perché una persona della tua età decida di non usare droghe e alcool.

Primo, lo “sballo” con la marijuana o altre sostanze interferisce con la vita quotidiana. Non è facile memorizzare informazioni quando si è “fuori”, per cui se la usi tutti i giorni le tue capacità di apprendimento ne risentiranno.
Secondo, se pensi di provare la marijuana, aspetta almeno un po’. Gli adulti che hanno problemi con la droga sono per lo più quelli che hanno cominciato molto presto. Infine, tuo padre e io non vogliamo che ti ficchi nei guai.Alla tua età, usare alcool e altre droghe è illegale, e le conseguenze di
essere “pizzicati” sono pesanti…
Nonostante il mio consiglio di non usare droghe, può darsi che un giorno tu scelga di provare. Lo ripeto, non è una buona idea, ma se lo decidi, ti chiedo di imparare tutto ciò che c’è da sapere e di usare il tuo buon senso.
Ci sono tanti ottimi libri e documenti, su questo. E anche internet può darti informazioni credibili. E puoi sempre, naturalmente, parlarne con me. Se per caso io non conosco le risposte alle tue domande, posso sempre aiutarti a trovarle.

Se qualcuno ti offre droga, sii cauto, tieni conto che ognuno risponde in modo diverso alla stessa sostanza. Se decidi di provare, accertati di essere insieme a persone su cui puoi contare. In nessun caso devi guidare alterato o salire in macchina con qualcuno che ha usato alcool o altre sostanze.
Puoi chiamare noi o qualcuno dei nostri amici in ogni momento del giorno e della notte, se ne hai bisogno, verremo a prenderti.
E per favore, Johnny, usa un po’ di moderazione. È impossibile sapere cosa contiene una dose di sostanza illegale: la gran parte delle overdose avviene perché le persone non sanno nulla della qualità della sostanza che stanno assumendo o dei suoi effetti se combinata con altre sostanze. Per favore, non partecipare a situazioni in cui si fa a gara a chi regge più alcool, troppi ragazzi ci hanno lasciato la vita. Sebbene la marijuana di per sé non abbia effetti fatali, usarne troppa può farti sentire smarrito e qualche volta produrre un attacco di paranoia.
Caro Johnny, come tuo padre e io ti abbiamo sempre detto rispetto a molte altre cose della vita, sesso compreso, pensa alle conseguenze delle tue azioni prima di agire. Per le droghe, non è diverso. Sii scettico e soprattutto, pensa al tuo bene.

Con affetto,
Mamma

Marsha Rosenbaum, sociologa, dirigeva al tempo la sezione di San Francisco della Drug Policy Alliance.

Documenti scaricabili