La regolamentazione legale della cannabis, anche per uso ricreativo, non è associabile a cambiamenti rilevanti nei tassi di mortalità da incidente stradali. Sono queste le conclusioni di uno studio sui dati sulla sicurezza stradale pubblicati ieri sull’American Journal of Public Health.

I ricercatori dell’Università di Austin, in Texas, hanno valutato i tassi di mortalità derivante da incidenti stradali nei due stati che per primi hanno completamente legalizzato la marijuana, il Colorado e lo stato di Washington prima e dopo la legalizzazione. I dati sono stati messi a confronto con quelli di 8 stati di “controllo” che non avevano modificato significativamente la loro legislazione sulla cannabis. “Tre anni dopo la legalizzazione della marijuana ricreativa, le modificazioni dei tassi di mortalità da incidenti stradali a Washington e Colorado non sono statisticamente diversi da quelli degli altri stati presi a confronto“, hanno concluso gli autori che non hanno inoltre segnalato alcuna associazione tra la legalizzazione di marijuana per gli adulti e il numero totale di incidenti non fatali.

Commentando i risultati dello studio, il vice direttore di NORML Paul Armentano ha dichiarato: “Queste conclusioni dovrebbero essere rassicuranti per legislatori e per coloro che hanno preoccupazioni rispetto al fatto che la regolazione dell’uso di marijuana per gli adulti potrebbe mettere in pericolo la sicurezza pubblica. Questi risultati indicano che tali paure non sono reali, e che tali preoccupazioni non devono influenzare indebitamente i legislatori o gli elettori inegli stati  che stanno prendendo in considerazione la legalizzazione della cannabis”.

Uno studio precedente, pubblicato lo scorso anno nella stessa rivista, ha riferito che l’introduzione di legislazioni di legalizzazione della marijuana medica è stata associata ad una riduzione delle vittime di traffico rispetto ad altri Stati, in particolare tra i più giovani.

I tassi di incidenti mortali sono diminuiti significativamente negli ultimi due decenni – nello stesso tempo in cui una maggioranza degli Stati Uniti ha legalizzato la marijuana per uso medico e sociale. Nel 1996, la National Highway Traffic Safety Administration ha riferito che vi erano circa 37.500 incidenti mortali sulle strade degli Stati Uniti. Il totale è sceso a meno di 30.000 entro il 2014.

[Fonte NORML]