Il New York Times ha recentemente pubblicato i dati provvisori – ma ormai assestati – sulle morti per overdose da droga negli Stati Uniti d’America nel corso del 2016. 64.000 persone sono morte per overdose nello scorso anno, in aumento del 22% rispetto al conto dell’anno precedente, che si fermò a 52.404.

Morti per overdose negli USASecondo i dati raccolti dal Centro Nazionale per la Statistica Sanitaria e resi noti dal NYT le overdose da droghe sono la principale causa di morte per gli americani sotto i 50 anni. Questo in particolare “grazie” all’abuso di oppioidi sintetici, a partire dal fentanyl che ha più che raddoppiato le proprie vittime in un anno. Per il prestigioso quotidiano l’epidemia di overdose negli USA sta uccidendo ad un tasso più veloce rispetto all’HIV al suo apice. I decessi per overdose sono triplicati dal 2000 ad oggi, e si muore più per sovradosaggio di droga che per incidente stradale o a causa di armi da fuoco.

In tre anni le morti causate da overdose di oppioidi sintetici sono aumentate da circa 3.000 a più di 20.000. Un aumento del 540%. Nel 2016 il fentanyl – insieme agli altri oppiodi di origine sintetica – hanno causato 20.100 morti, contro i 15.400 dell’eroina, e i 14.400 degli oppioidi ad uso medico, anche se quest’ultime correlate anche all’uso di altri oppiodi. Aumentano anche le morti causate da cocaina e metamfetamine, mentre sono diminuite quelle da metadone.

Morti per overdose negli USA per tipo di sostanza (fonte NYT)

Documenti scaricabili