Il Libro Bianco sulle droghe contiene quest’anno un saggio dell’economista Marco Rossi che sviluppa argomenti già introdotti in un suo precedente scritto del 2013 sulla legalizzazione della cannabis in Italia.

Per Marco Rossi, ricercatore presso il Dipartimento di Scienze Sociali ed economiche dell’Università La Sapienza di Roma, le implicazioni economiche della regolamentazione della cannabis, assumendo una regolamentazione e tassazione simile a quella del tabacco, consumi costanti e assenza di esportazioni e/o turismo da cannabis potrebbero avere un impatto complessivo sui conti pubblici di circa 4 miliardi di euro.

La formazione del prezzo

Secondo Rossi il prezzo della cannabis a seguito della legalizzazione si dovrebbe aggirare intorno ai 10 euro al grammo. La formazione di questo prezzo è data dai costi di produzione, stimati in circa 1 dollaro al grammo di prodotto finito (Caulkins, 2010) e remunerati complessivamente per 1,45 euro, dalla remunerazione dei distributori calcolata in 1 euro al grammo, dall’IVA applicata (1,7 euro) e dalle accise, calcolate secondo l’attuale regime per i tabacchi, che assommano a 5,8 euro per grammo. Una marijuana legale collocata a questi livelli di prezzo è certamente concorrenziale rispetto a quella reperibile sul mercato illegale. Senza contare i controlli di qualità e la tracciabilità del prodotto, nonchè la sicurezza nell’acquisto, derivanti dalla sua legalizzazione che ne farebbero comunque una scelta preferibile per il consumatore rispetto allo spaccio in strada.

Effetti sul bilancio statale

Effetti economici della legalizzazione della cannabis in ItaliaLa tassazione (accise e iva sulle vendite, nel complesso il 75,5% del prezzo fissato in ipotesi a 10 euro al grammo) porterebbe circa 3 miliardi di euro nelle casse dello Stato. A queste si aggiungerebbero circa 200/300 milioni di euro derivanti dall’emersione dei redditi degli addetti alla produzione e una diminuzione dei costi legati agli apparati della repressione e della sicurezza di 600 milioni di euro.

È anche probabile una riduzione, non stimabile, dei costi sanitari dovuta alla diminuzione dell’uso di sostanze adulterate a seguito dei controlli sulla filiera di produzione ed un miglioramento dei conti economici nazionali derivante dalla sostituzione delle importazioni illegali con coltivazione nazionale, per circa 500 milioni di euro.

Occupazione

Dal punto di vista occupazionale invece una regolamentazione restrittiva della cannabis non avrebbe ricadute particolari, se non la sostituzione/emersione dei posti di lavoro illegali per massimo circa 75.000 unità (gli spacciatori sono stimati oggi in circa 100.000 unità). In caso di un regime meno restrittivo di legalizzazione della cannabis, sul modello olandese dei coffeeshop, si potrebbero invece ipotizzare fino a 300.000 nuovi addetti nel settore da aggiungersi ai 75.000 impegnati nella produzione ed un incremento anche delle imposte sui redditi prodotti dal nuovo settore economico che potrebbero superare il miliardo di euro.

Documenti scaricabili

  • pdf Libro Bianco 2017
    Scarica l'ottavo libro bianco sulle droghe in formato pdf
    Aggiunto in data: 24 giugno 2017 15:33 Dim.: 9 MB Download: 979
  • pdf pillole-stampa
    Scarica le pillole del libro bianco 2017
    Aggiunto in data: 26 giugno 2017 14:03 Dim.: 326 KB Download: 326